Feroleto Antico (Catanzaro) - "Un sistema sanitario piu' a misura dei cittadini e piu' coerente con i bisogni. Gli infermieri hanno tutte le competenze per mettersi al servizio della sanita'. Il nostro contributo e' fondamentale, sarebbe uno spreco in questa regione ed in tutta Italia, non utilizzare appieno quel che la nostra categoria puo' dare". Il presidente nazionale dell'Ipasvi, Barbara Mangiacavalli, lancia il messaggio di tutti gli infermieri d'Italia, riuniti per la prima volta in Calabria, a Feroleto antico, per la giornata nazionale della loro categoria. Una convention che ha visto protagonisti tutti i Collegi provinciali, coordinati dal presidente Fausto Sposato.

Uniti per un comune obiettivo: crescere professionalmente per far crescere il settore della sanita' in ogni angolo del Paese. Presenti il presidente Ipasvi Milano, la presidente romana e quelli di tutte le regioni. "Delineare lo stato dell'arte della formazione accademica dopo oltre 20 anni dall'ingresso di infermieristica in universita'. Punti di forza, debolezza e criticita' del percorso formativo. Analizzare e dibattere su possibili e attuali ridefinizioni della formazione infermieristica nel contesto formativo dell'Unione europea, dell'attuale formazione accademica post base, dell'evoluzione dei bisogni di salute, del mercato del lavoro nazionale ed europeo. Presentare ed analizzare il documento della Federazione nazionale Ipasvi sull'evoluzione delle competenze per la formazione infermieristica", questi i temi trattati. "Per la prima volta - sottolinea Fausto Sposato, coordinatore del Collegio Ipasvi Calabria - il nostro Ordine e' giunto in Calabria per una manifestazione cosi' importante. Insieme a tutti i presidenti provinciali abbiamo ospitato importanti relatori che certamente hanno apportato novita' e proposte per questa nostra terra che ha bisogno di buona sanita'. Abbiamo i numeri, le capacita' e la forza di poter cambiare rotta. E gli infermieri, come sempre, sono in prima fila".

La senatrice Annalisa Silvestro, presidente per molti anni del Collegio nazionale, non a caso si e' detta convinta che le basi per smuovere le acque vi siano tutte. Dello stesso avviso Franco Pacenza, delegato dal presidente Oliverio: il dirigente, anzi, ne ha approfittato per lanciare anche qualche stoccata politica a Scura: "la macchina sanitaria in Calabria non puo' essere guidata da due conducenti. Noi pensiamo che chi invece deve guidarla debba essere colui il quale e' stato scelto democraticamente dai cittadini". 

photo_2016-11-05_10-59-19.jpg

fonte: http://www.lametino.it/Cultura/giornata-nazionale-infermieri-a-feroleto-antico-ipasvi-verso-un-sistema-sanitario-a-misura-dei-cittadini.html